Skip to Content

Promesse da marinaio

incontro Moliterno.jpg

Ho preso questa bella foto, piena di speranze per il lago Pertusillo, da internet; e mi è subito venuta a mente una manifestazione che si tenne proprio a Spinoso credo 8-9 anni fa in occasione della presentazione del bando-concorso di idee internazionale (il cui costo se non ricordo male fu di circa 11 milioni di euro) per il rilancio del Pertusillo. Vennero presentati 12 progetti, alcuni veramente originali. Ma sin da allora era chiaro lo "specchioper le allodole" che rivestiva quella manifestazione!

Governatore che va, Governatore che trovi.

Mercoledì 15 marzo il Governatore della Basilicata, nel suo tour "BasilicataInComune", ha voluto incontrare anche le associazioni ambientaliste della Val d'Agri. Era presente anche l'assessore all'Ambiente Pietrantuono.

Al di là dell'americanata, dobbiamo sottolineare il fatto che, per la prima volta, siamo riusciti a colloquiare con il Presidente e l'Assessore su fatti fondamentali che riguardano la Valle, quali appunto le tematiche legate alla slavaguardia dell'ambiente e la tutela della salute dei cittadini; a poche settimane di distanza dall'enorme perdita di liquido contenente idrocarburi (per stessa ammissione di Eni) e che ad oggi - per quello che ne sappiamo - ammonterebbe a circa 1.600.000 litri di liquido inquinante nei suoli sia all'interno del Cova che all'esterno di esso e che andrebbe indagato ancora a lungo con sondaggi a largo raggio e controllati con piezometri di profondità.

In queste ultime settimane si sta cercando di "deviare" l'attenzione di questo inquinamento dei suoli che ha ben più grande importanza rispetto alla presenza di alghe nel Pertusillo, proprio perchè più difficile da estirpare e bonificare per il fatto che è sicuramente grande l'area interessata.

Abbiamo chiesto di partecipare, come Osservatorio Popolare della Val d'Agri, alle conferenze di servizio che si terranno in Regione unitamente alle questioni legate alla stesura del Piano di Caratterizzazione per la bonifica dei suoli, visto che siamo in presenza di CSC (Concentrazioni Soglia di Contaminazione)!

Nel corso del dibattito, ad es., c'è stato l'intervento della dr.ssa Abate di Legambiente Val d'Agri, molto interessante e che - chissà perchè - è stato totalmente "tagliato"! Vi prometto però di recuperare in ogni modo almeno l'audio, perchè è da ascoltare. Durante il mio intervento quasi alla fine dell'assemblea, ho avuto modo di parlare - dati alla mano - delle incongruenze che abbiamo potuto riscontrare negli ultimi 7 anni riguardo ai rapporti tra Regione ed Eni, e di sottolineare che la politica regionale per riacquistare un minimo di fiducia tra i cittadini deve fare almeno tre cose con la massima urgenza:

1) mettere mano ad una legge regionale sulla riduzione delle emissioni degli idrocarburi non metano (NMHC) che riporti quel valore ai livelli stabiliti dalla precedente legge del 1983 (ndr: val. max= 200 microgrammi/mc), prendendo spunto e tenendo conto del Principio di Precauzione sancito dalla Comunità Europea;

2) iniziare e completare lo studio emissivo riguardante proprio gli NMHC previsto sia dalla DGR 683/2012 che dalla DGR 983 del 06/08/2013!;

3) infine, effettuare studi epidemiologici almeno nelle cinque aree definite dalla Regione stessa, prendendo spunto dal D.Lvo 155/2010 e che comprendono le aree di Viggiano-Grumento Nova, Melfi-Lavello, Tito, Val Basento e Matera, come aree ad alta pressione ambientale;

Sarà questo il banco di prova per verificare effettivamente le buone intenzioni della politica regionale; ma se tanto mi da tanto direi di non farci troppe illusioni! Per molti buoni motivi.

Ad es. l'ArpaB ci dice che il Pertusillo NON E' INQUINATO (vedi il comunicato stampa che ci è stato dato in quella occasione e che è qui allegato) ma non ci dice il perchè della fioritura algale! Perchè questo succede solo nel Pertusillo e soprattutto perchè solo in questi ultimi anni!!

Voglio dare un consiglio agli agricoltori ed allevatori della Val d'Agri (per quello che vale, visto che negli ultimi 7 anni sia la prof.ssa D'Ottavio che il prof. Bove, li hanno sempre esortati a fare una battaglia insieme a noi) poichè la colpa di questi disastri sarà addossata per intero al comparto agro-zootecnico valdagrino!!

Per quanto riguarda lo studio degli NMHC, udite udite, un rappresentante dell'agenzia ci ha riferito che stanno mettendo a punto un "Masterplan" che comprenderà anche queste valutazioni; un "masterplan" CON CINQUE ANNI DI RITARDO ED ANCORA NE STIAMO DISCUTENDO????

Infine per quanto riguarda gli studi epidemiologici, il Presidente ha riferito che si stanno facendo. SI STANNO FACENDO? QUANDO? CHI LI STA CONDUCENDO? QUALI SONO I RISULTATI, SE VE NE SONO? Su questo non abbiamo avuto risposte.

Il video è a questo link, dal minuto 10,00 al minuto 23:

https://www.facebook.com/ambientesaluteasud/

Ma al fine mi sorge un dubbio; non è che questo compito così delicato sia stato affidato alla Fondazione  Ricerca Biomedica Basilicata? Il cui presidente è stato nominato dal Governatore nell'agosto 2016 dalle stanze ospedaliere della sua convalescenza?

Ma a questo proposito vi invito a leggere alcuni articoli esplicativi riguardanti questa questione:

http://basilicata.basilicata24.it/cronaca/basilicata-ricerca-biomedica-carrozzone-politico-gestire-dati-epidemiologi-18872.php

http://analizebasilicata.altervista.org/blog/prova/

Attenzione, perchè questa questione non è affatto una questione marginale e per capirne qualcosa occorre andare a ripercorrere le vicissitudini tra l'Osservatorio Ambientale della Val d'Agri, il Centro di Medicina Ambientale e per ultimo questa cosiddetta FBRB (Fondazione Biomedica Ricerca Basilicata)!!!!

Non è marginale per almeno due motivi: perchè si tratta di formulare dei piani di salvaguardia ambientale e dei progetti di monitoraggio epidemiologico della popolazione lucana.

AllegatoDimensione
CS_ Arpab_Pertusillo.pdf100.61 KB


story | by Dr. Radut