Skip to Content

Continua l'attacco dei petrolieri nel Vallo di Diano ed in Basilicata

Shell-cerca-petrolio-a-due-passi-dal-Parco-Nazionale-del-Cilento.jpg

 Dopo la netta presa di posizione dei sindaci del Vallo di Diano, la Federpetroli continua l'attacco ai territori di Campania e Basilicata, utilizzando il solito leit-motive: petrolio in cambio di sviluppo ed occupazione.

Fortunatamente a queste bugie non crede più tanta gente, nonostante la grave crisi che attanaglia l'Italia ed in partioclar modo il Sud. La stampa nazionale tende a mettere in risalto, come fa "Il Corriere della Sera" il bonus carburante di 100 euro come compensativo dei "disturbi" arrecati dalle estrazioni petrolifere.

Non c'è che dire, se il "giornalismo buono" italiano è questo, allora siamo messi proprio male! Una visione falsa e distorta della realtà non l'avevamo letta neppure sui giornali locali, con buona pace dell'etica professionale.

E' forse utile ribadire per l'ennesima volta che non vogliamo commiserazione, ci basta che venga evidenziata la pura e semplice realtà.

Bene, vi alleghiamo la rassegna stampa di ieri, a proposito di questo problema.

AllegatoDimensione
Shell_imprenditori.pdf539.66 KB
Comuni_Shell.doc180 KB
Federpetroli_.pdf51.88 KB
Lapenna.pdf9.28 KB
Shell_permessi.doc88.5 KB
Prinzi_Shell.doc205 KB
Giornalettismo_petrolio.pdf135.82 KB
bliz_bonus.pdf24.65 KB


story | by Dr. Radut