Skip to Content

Sociale

Cosa ci porterà il 2013?

capodanno2013.jpg
Dopo aver superato indenni la data del 21 dicembre 2012, prospettata dai Maya come il giorno della fine del mondo, cosa potremmo aspettarci di meglio e di più dal 2013?
E’ abbastanza semplice fare questo pronostico, poiché il 2012 possiamo annoveralo senz’altro tra quelli più difficili sotto tutti gli aspetti! A conclusione dell’anno vogliamo provare anche noi a fare un breve, parziale bilancio del cosiddetto “annus orribilis” degli ultimi 50-60 anni della storia di questa bistrattata Repubblica .
 
L’anno che si conclude si porta via una bella fetta di soldi dei cittadini italiani “normali”,  tra riforma del lavoro e delle pensioni, tagli drastici al pubblico impiego ed alla sanità, imu e varie altre cose di gran lunga meno importanti, si può affermare senza ombra di dubbio che lo smantellamento dello “stato sociale” è iniziato alla grande! Vedremo chi avrà il coraggio di portarlo a termine demolendo quel poco di residuo che farà sopravvivere la stragrande maggioranza degli italiani. Sì, la stragrande maggioranza,perché la sparuta minoranza – circa il 10% - continuerà a detenere oltre il 50% della ricchezza nazionale, tra elusione ed evasione, tra esportazione di capitali all’estero e di operazioni finanziarie che hanno scaricato sulla testa degli italiani le perdite da loro accumulate.

Il Gruppo Lucano è la Protezione Civile

gruppo lucano.jpg

Il "Gruppo Lucano" di Protezione Civile conta ormai sulla adesione di circa 60 comuni e non solo lucani, ma anche della Campania (provincia di Salerno) e della Calabria (provincia di Cosenza); e su un contingente di più di 3000 uomini, pronti a partire per qualsiasi emergenza in circa 6 ore.

AGGIORNAMENTO SUL RISPARMIO DELLA BOLLETTA DEL GAS, INVIATOCI DA UN CITTADINO ANONIMO.

47928-xmw11p3rtk4rdyt5s152.jpg

Questa stessa mattina, un cittadino attento alla nostra iniziativa sul gas, ci ha comunicato questo articolo, nel ringraziarlo abbiamo detto di mettere "in rete" tale documento a disposizione di tutti noi. Eccovelo:

 

ENNESIMO SOLLECITO DEL COMITATO DEL GAS ALL'AUTORITY PER COMMINARE SANZIONI ALLA SICME ENERGY

gas.jpg

Spett.le: Autorità per l’energia elettrica e il gas

Piazza Cavour, 5

20121 MILANO

COMUNICAZIONE A/R. anticipata a MEZZO FAX N. 0265565230.-

 

Oggetto: sollecito richiesta intervento con riferimento al reclamo n. 23156 rif. DCQS/402438708 e segnalazione nuove infrazioni.

Reclamo all'Autorità di Garanzia del 16/02/2009

 

Associazione “Laboratorio per Viggiano”
Via Roma n. 19
85059 VIGGIANO (PZ)
TEL. E FAX 0975 311072
 
                                                                                            Spett. le Autorità per l’energia elettrica e il gas
Piazza Cavour, 5
20121 MILANO
Racc. A/R
 
 
Oggetto: reclamo ai sensi dell’art. 2, L. 14 novembre 1995 n.481.
 
              L’Associazione non riconosciuta “Laboratorio per Viggiano” con sede in Viggiano (PZ) alla Via Roma n. 19, in persona del Presidente legale rappresentante pro tempore, Sassano Saverio, premesso che:
 
la vendita del gas metano ai clienti finali, cittadini del Comune di Viggiano, viene effettuata dalla Società Sicme Energy con sede in Salerno alla Via D. Vietri, n. 20, mentre concessionaria del pubblico servizio di distribuzione del gas metano nel territorio comunale è la Società Ing. Orfeo Mazzitelli Gas Srl, con sede in Bari alla Via Fanelli n. 206/4,
espone quanto segue:
nel primo semestre del 2008 si è verificato a carico di numerosi cittadini del Comune di Viggiano, un fenomeno di eccesso di fatturazione relativo al consumo di gas riferito al detto periodo;

Sollecito all'Autorità En. Elettrica e Gas

 

STUDIO LEGALE STIGLIANO
Avv. Giuseppina Stigliano
Via V. De Milita, n. 5, 85059 Viggiano (PZ)
Tel. e fax 0975 311072 cell. 3395362046
P.IVA 01624130769
 
 
 
Spett. le Autorità per l’energia elettrica e il gas
Piazza Cavour, 5
20121 MILANO
 
 
COMUNICAZIONE A MEZZO FAX N. 0265565230.-
 
Oggetto:sollecito richiesta intervento dell’Autorità per l’energia elettrica e il gas con riferimento al reclamo n. 23156 e segnalazione nuove infrazioni.-
 
In nome e per conto dell’associazione “Laboratorio per Viggiano” con sede in Viggiano (PZ) alla Via Roma n. 19, in persona del Presidente legale rappresentante pro tempore, Sassano Saverio, premesso che:
 
  • in data 16.02.2009 la predetta associazione inviava alla ante scritta Autorità tramite racc. a. r. ricevuta in data 26.02.2009 un esposto nei confronti della Società fornitrice del gas metano ai cittadini del Comune di Viggiano, ossia la Sicme Energy Srl con sede in Salerno alla Via D. Vietri, n. 20 ;
  • nel predetto reclamo venivano lamentati una serie di disservizi e di inadempienze perpetrati dalla suddetta società ai danni dei cittadini-utenti del Comune di Viggiano;
  • in sintesi i predetti disservizi consistono:
  • in un eccesso di fatturazione generalizzata verificatasi nei confronti di tutti i cittadini viggianesi relativa al primo semestre 2008;
  • nel mancato riconoscimento della franchigia concessa dal Comune di Viggiano pari a 600 metri cubi di gas all’anno per il periodo 1 aprile-31 dicembre 2008;
  • nel mancato riconoscimento della riduzione dell’IVA sul consumo ai sensi dell’art. 2, comma 5 D. Lgs n. 26 del 02.02.2007;
  • nella mancata riduzione delle accise per l’anno 2008 riconosciuta dalla Regione Basilicata secondo i criteri individuati nel sopra menzionato esposto già in possesso di codesta Autorità;
  • il predetto reclamo era stato preceduto da una comunicazione a. r. ricevuta in data 15.12.2009 con la quale la società Sicme Energy, veniva invitata a rivedere la fatturazione relativa al primo semestre 2008, periodo nel quale erano stati perpetrati gli errori di fatturazione, ad usare una maggiore chiarezza nella redazione delle bollette e a provvedere alla restituzione degli importi erroneamente fatturati;
  • ad oggi la società in oggetto non ha provveduto a correggere nessuno dei disservizi segnalati;
  • alle predette inadempienze si aggiunge tutt’oggi una ulteriore contravvenzione degli obblighi che fanno capo alla Società in oggetto, infatti come lamentato dall’associazione “Laboratorio per Viggiano” con racc. a. r. del 27.03.2009 che si allega in copia, la predetta società non ha provveduto ad emettere le fatture per il consumo di gas relative al periodo novembre-dicembre 2008 , gennaio-febbraio 2009 (a tutt’oggi ancora non pervenute), con notevole disagio soprattutto per i pensionati e lavoratori che saranno certamente in difficoltà a pagarne l’importo sicuramente elevato in quanto riferite ai consumi invernali;
  • l’invio delle bollette con una cadenza periodica ben determinata, è un obbligo prescritto dall’ art. 5, comma 1 della delibera n. 229/2001 emessa dall’Autorità per l’energia e per il gas secondo il quale “la periodicità di fatturazione viene stabilita dagli esercenti tenendo conto dei consumi annui attribuibili al cliente”, consumi che per la maggior parte degli utenti residenti nel Comune di Viggiano sono ricompresi tra i 500 e i 5000 mc/anno, pertanto ai sensi della lett. b) del precitato comma, la periodicità di fatturazione dovrebbe essere almeno trimestrale;
tutto ciò premesso, con la presente si reiterano le richieste inoltrate nei precedenti scritti inviati dall’associazione e si chiede l’intervento immediato di codesta Autorità alla luce delle ulteriori recenti omissioni affinché voglia provvedere nei termini e modi di legge ad emettere provvedimenti sanzionatori nei confronti della Sicme Energy Srl nonché provvedimenti di rimborso e/o risarcitori nei confronti dei cittadini-utenti.
 
 
Viggiano (PZ) lì 15.04.2009.-
Avv. Giuseppina STIGLIANO

 

impegni assunti nell’assemblea del 30.09.2008

 

 
Spett.le Soc. ING. Orfeo Mazzitelli Gas Srl
Via Fanelli, 206/4
70125 BARI
 
 
e p.c.
Amalfitana Gas Srl
Via Fanelli, 206/4
70125 BARI
 
 
e p.c.
Spett.le Soc. SICME ENERGY Srl
Via D. Vietri, 20
84127 SALERNO
 
e p. c.
Spett. le Amagas Trade S. r. l.
Via Circonvallazione Petrone Le Croci n. 5
85059 Viggiano (PZ)
Racc. a/r
 
Oggetto: impegni assunti nell’assemblea del 30.09.2008.
 
 
Nei giorni dal 12 al 15 agosto c.a., su iniziativa di alcuni cittadini del Comune di Viggiano, venivano raccolte n. 110 firme allo scopo di costituire una proposta di iniziativa popolare ai sensi dall’art. 67 dello Statuto Comunale, con il fine di sollecitare l’adozione da parte del Comune degli atti amministrativi opportuni a rendere chiarezza su un fenomeno di eccesso di fatturazione relativo al consumo di gas nel primo semestre 2008.
Venivano emesse, infatti, nel periodo sopra menzionato, a carico dei cittadini del Comune di Viggiano, fatture relative al consumo di gas contenenti importi notevolmente elevati rispetto al normale consumo, in alcuni casi addirittura raddoppiati;
i predetti importi fatturati, venivano comunque pagati da una parte dei cittadini, mentre altri si astenevano dal farlo;
a seguito della predetta iniziativa popolare confluita in un vero e proprio Comitato di cittadini, il Sindaco del Comune di Viggiano, ing. Alberti Giuseppe, provvedeva a convocare un’assemblea pubblica alla quale venivano invitati a partecipare i responsabili delle S.V. e il Comitato stesso che aveva sollecitato l’iniziativa;
in detta assemblea, atteso che veniva pubblicamente riconosciuto che si erano perpetrati alcuni errori nella fatturazione degli importi relativi al primo semestre 2008, veniva assunto da parte dei responsabili delle S.V. presenti all’adunanza, una serie di impegni che possono essere così riassunti:
·         rivedere le fatture emesse dall’inizio dell’anno ed effettuare il ricalcolo degli importi erroneamente fatturati;
·         fornire tramite un operatore da inviare in loco a cadenza periodica e previo avviso pubblico i chiarimenti necessari per ogni singolo utente;
·         usare una maggiore chiarezza nelle redazione delle bollette dei consumi anche mediante una evidenziazione del rendiconto a scalare relativo alla franchigia concessa dal Comune ed utilizzata dal singolo utente.
Tuttavia, duole constatare che, a distanza di quasi due mesi dal citato incontro, non è stato attuato nessuno degli impegni assunti pubblicamente.
            In ragione di tutto ciò, con la presente formalmente Vi diffidiamo dal continuare ad ignorare gli impegni assunti e Vi invitiamo, pertanto, a dare attuazione agli obblighi sopra elencati, ivi incluso e prevalentemente, quello di restituzione degli importi erroneamente fatturati comprensivi di interessi i quali importi, dovranno preventivamente essere verificati in contraddittorio con gli utenti, il tutto nel temine di 15 gg. dal ricevimento della presente, con l’avvertenza che in caso di mancato adempimento nel termine predetto, gli interessi dei cittadini verranno tutelati in sede giudiziaria.
            Per ogni comunicazione Vi preghiamo di voler contattare il referente del sopra menzionato comitato dei cittadini al seguente indirizzo:
 
Aliati Salvatore
Via Roma 19
85059 VIGGIANO (PZ)
Cell. 3289744501
 
 
            Viggiano (PZ) LÌ 01.12.2008.-
 
 
Il referente del Comitato popolare

 

Esito dell'assemblea del 30 settembre 2008

 

AVVISO ALLA CITTADINANZA
ESITO DELLA PUBBLICA ASSEMBLEA SUL GAS.
 
L’ASSEMBLEA PUBBLICA DEL 30 SETTEMBRE 2008 PRESSO IL “CENTRO SOCIALE A. MARONE” CON LA PRESENZA DEL SINDACO, RAPPRESENTANTI DELL’AMALFITANA GAS (società venditrice del gas metano), COMITATO PROMOTORE DELLA PROPOSTA DI INIZIATIVA POPOLARE E CITTADINI, HA AVUTO IL SEGUENTE ESITO:
 
1)      SOSPENSIONE PAGAMENTO BOLLETTE E NUOVA RENDICONTAZIONE DEI CONSUMI;
2)      USUFRUTTO DEI 600 MC DI GAS PER UTENZE PRIVATE E 1200 MC PER UTENZE PUBBLICHE     A PARTIRE DA APRILE 2008 E FINO A TUTTO IL 31/12/2008;
3)      RESTITUZIONE DEI SOLDI VERSATI INCONGRUAMENTE IN ANTICIPO SIA ATTRAVERSO STORNI SULLA BOLLETTA SUCCESSIVA, SIA ATTRAVERSO LA LORO RESTITUZIONE CON ASSEGNO;
4)      AGGIORNAMENTO DEL PROGRAMMA DI GESTIONE DELLE BOLLETTE;
5)      INSERIMENTO DI N. 2 CITTADINI-UTENTI NEL COMITATO PARITETICO COMUNE - AMALFITANA    GAS;
6)      VERIFICA, A CAMPIONE, DEI CONTATORI DEL GAS (A PARTIRE DA QUELLI PIU’ VECCHI);
 
QUESTO E’ SOLO L’INIZIO DI UNA NUOVA STAGIONE DI DEMOCRAZIA PARTECIPATIVA CHE VEDE IN PRIMA FILA L’ASSOCIAZIONE “LABORATORIO PER VIGGIANO”, VICINA AI CITTADINI ED AI CONSUMATORI E CHE PREVEDE LA PRESENZA COSTANTE DEI CITTADINI PER INFLUIRE NELLE DECISIONI IMPORTANTI DELLA NOSTRA COMUNITA’.
                                                                                                         
VIGGIANO, lì 09/10/2008


Ora basta (13/08/2008)

 

ORA BASTA, QUESTA FARSA DEVE FINIRE IMMEDIATAMENTE!!!!
               
I sottoscritti cittadini, a seguito delle varie traversie con la società distributrice del gas metano di Viggiano, con bollette ravvicinate, conguagli incongrui, conteggi dove nessuno effettua controlli di qualsiasi tipo (soprattutto dopo che il comune ha concesso 600 metri cubi di gas in forma gratuita); facendo riferimento all’art. 67 dello Statuto Comunale del comune di Viggiano, propone la seguente
 
 
PROPOSTA DI INIZIATIVA POPOLARE
 
contenente i seguenti punti:
 

1) Sospendere immediatamente la convenzione con la “SICME ENERGY s.r.l.” ex “A.MA.G.A.S. s.r.l.” ex “A.MA.G.A.S. TRADE s.r.l.”ex “ING. ORFEO MAZZITELLI GAS s.r.l.”; e rivederla punto per punto!!!

 
 
Alla luce degli ultimi conteggi effettuati dalla suddetta società, dove si sono riscontrate bollette evidentemente incongrue rispetto ai relativi consumi e con quest’ennesima volta che tale società, attraverso le sue varie denominazioni, gioca al rialzo della posta con i cittadini; si rende necessario rivedere tutta la convenzione che il comune ha stipulato con tale società, a partire dal costo unitario per metro cubo di gas metano.
Nel frattempo i sottoscritti cittadini, chiedono al Sindaco di Viggiano di indire con la massima urgenza, una pubblica assemblea con i referenti della sopradetta società, per discutere i seguenti punti:
 
 
 

a)     Qual è il motivo per cui, in otto anni, tale società ha cambiato per ben 3 volte la propria denominazione?

b)    Se tale società è in regola con i pagamenti che sono dovuti al comune di Viggiano e cumulati in tutti questi anni di convenzione?

c)     Come mai non viene fatta nessun intervento di ripristino e di sicurezza delle linee che fanno parte della rete cittadina?

d)    Chi controlla che i contatori del gas funzionano regolarmente?

e)    Come mai, ad un congruo numero di cittadini, a tutt’oggi, non viene restituito l’anticipo sul consumo ed i costi dell’allacciamento, sebbene abbiano già pagato tali oneri?

 

 
Informiamo l’Amministrazione Comunale che i suddetti cittadini, a seguito di tali comportamenti scorretti che vanno oltre le comuni regole della concorrenza e della trasparenza
 
 
DARANNO INCARICO AD UN AVVOCATO PER ADIRE LE VIE LEGALI CONTRO TALE SOCIETA’ e contro il loro comportamento scorretto.

 

Petizione popolare del 18/08/2008

 

Associazione Politico - Culturale

LABORATORIO PER VIGGIANO

Via Roma 19 

 Al Sig. SINDACO           
del comune di Viggiano           
 
OGG.: PROPOSTA DI INIZIATIVA POPOLARE AI SENSI DELL’ART. 67 DELLO STATUTO COMUNALE.
 
Ill.mo Sig. Sindaco,
come certamente avrà saputo, in occasione dell’arrivo delle ultime bollette del consumo di gas metano da parte dei cittadini, si è verificato l’ennesimo errore di fatturazione (a questo punto non sappiamo quanto casuale); numerosi cittadini ci hanno contattato ed hanno chiesto di attivarci per risolvere definitivamente questo problema; sottovalutato, fino a questo momento, anche da parte dell’Amministrazione, poiché  si trascina ormai da anni e con una certa frequenza.
                Abbiamo perciò ritenuto utile ricorrere all’istituto della “proposta di iniziativa popolare” prevista dallo Statuto Comunale, e più precisamente dall’art. 67 in cui si parla della possibilità, da parte dei cittadini, di avanzare proposte per l’adozione di atti amministrativi che abbiano come fine il perseguimento del pubblico interesse.
                Alla presente, perciò, alleghiamo la proposta per cui è stata chiesta ed ottenuta questa raccolta di firme e cioè: sospendere, con effetto immediato, la convenzione tra il comune di Viggiano e la “Sicme Energy s.r.l.” e rivederla punto per punto.
                Alla presente Le alleghiamo le firme raccolte ed i punti più controversi di tale contenzioso.
                Così come è scritto nel volantino di richiesta di firme, questi stessi cittadini firmatari, unitamente a tutti quelli che lo vorranno fare in un secondo momento, se non saranno soddisfatti delle risposte, delle precisazioni, delle modifiche della convenzione e tutto ciò che riguarda il servizio di distribuzione del gas metano in questo comune di Viggiano, adiranno le vie legali avverso tale società per il comportamento scorretto che continua ad avere nei confronti dei cittadini-utenti e nel contempo informeranno di tale comportamento le Authority per la Concorrenza e quella per l’Energia.
                I soggetti organizzatori e firmatari hanno concordato la costituzione di un “comitato ristretto” che assolverà alla funzione di interconnessione tra l’Amministrazione ed i cittadini proponenti ed il cui referente è il Sig. ALIATI Salvatore, 0975/61---) cui Ella potrà fare riferimento.
                Certo della Sua cortese attenzione ed in attesa dell’espletamento delle procedure burocratiche sottese a tale “proposta di iniziativa popolare”, a nome dei cittadini firmatari Le porgiamo distinti saluti
 
 
 
 
 
I firmatari
                                                                                                      _____________________________

 

Condividi contenuti


by Dr. Radut